mercoledì 9 febbraio 2011

Un Baiocco inzuppato nel latte e caffè

quando il caffè è caldo, il latte è tiepido. Il biscotto entra con classe, vedi quasi le gocce di latte espandersi come nella pubblicità, rimane il tempo necessario e ne esce perfetto, gustoso, morbido al punto giusto. Una goduria. Se tutto nella vita fosse gustato come si gusta quel Baiocco, il mondo sarebbe meraviglioso e non esisterebbero il senso di impotenza, la sensazione di innappropriata presenza all'interno di un contesto che ci appartiene solo quando non ci conviene. Ogni giorno vi si dice: «sei troppo grande per questo»...e allo stesso tempo non vi sentite abbastanza maturi per quello...

Voglio che oggi vi sentiate un Baiocco e che tutte le vostre scelte siano un lento avvicinarsi al latte e caffè - o nel te, nell'acqua se vi piace mangiarli così - e che possiate stare immersi il tempo necessario per uscirne soddisfatti, appagati. Perché gli strappi all'umore altro non sono che una lunga esposizione e l'insoddisfazione è metafora di fugacità dell'inzuppo. 

La vita è questo. Il giusto timing, le scelte appropriate. Il terzo tempo del giocatore di basket, la visione del playmaker, lo schiva schiva colpisci del boxeur, il bastone e la carota del buon genitore. Del buon amante. Vivete così, pensando al tempo. Ma non al tempo che passa, che è stato o che sarà. Al tempo che state vivendo in quell'attimo. Un tipo una volta mi disse: non pensare di arrivare dove devi arrivare, ma pensa al momento che stai vivendo e arriverai senza sforzo alcuno., ma con cognizione di te e del gesto. L'ho capito adesso. L'atto è più importante dell'azione stessa.

Vi auguro una giornata pacata, con la cognizione di voi stessi, perfetti Baiocchi nel latte e caffè di una mattina che sta per iniziare. Di un giorno che è attimo nell'eternità.

Tutto questo perché io un Baiocco, ora, davvero lo vorrei, saprei amarlo!

21 commenti:

  1. quando parli così, che ti farei.. :))
    vado a incontrare i miei baiocchi, con selezione all'ingresso. No sabaudi.

    RispondiElimina
  2. al posto dei Baiocchi ho preso 4 fette di lagacci coperti di burro salato e marmelata di rabarbaro rosso, ma il concetto è lo stesso credo...[quelli che timbrano però fanno più fatica di noi, no ?]

    RispondiElimina
  3. Una bella vita di regole e occasioni mancate.
    Io ci leggo solo questo.

    Sul bastone carota dell'amante sei proprio un maschio: la donna cazzo e cazzotti, no?

    RispondiElimina
  4. Sarò meno poetica di te...i miei ricordi vanno al maritozzo con la panna, ricordo della mia infanzia trascorsa nella pasticceria artigianale dello zio, che gustavo a più riprese.
    Prima lentamente tutta la panna e poi, non contenta, immergevo la parte restante nel latte e caffè.
    Per fortuna ho un buon metabolismo e quegli zuccheri non si sono fatti vedere (e sentire) :)
    Una giornata elegante a te.

    RispondiElimina
  5. splendido quello che hai scritto.. ;))

    RispondiElimina
  6. Eh, hai scritto proprio la cosa più importante del mondo, "al tempo che state vivendo in quell'attimo".
    Però preferisco il baiocco in minuscolo, Baiocco fa troppo mulinobianco.

    RispondiElimina
  7. Ancora una volta inciampo nel tempo come nel mio post ,ora qui l'attimo si trasforma in essenza, godendo appieno il biscotto inzuppato. Buona eternità a tutti.

    RispondiElimina
  8. @Patè: brava, ma un Savoiardo lo puoi inzuppare :))

    @D: come mi piace il tuo essere squisitamente bucolica!

    @Ecudielle: perché tu sei pessimista dentro

    @Virginia: Bono il maritozzo! Fortuna non indifferente avere uno zio con un forno che sforna!

    @Zajras: grazie! :)

    @Web: troppo, hai ragione. Ma i baiocchi sono solo del mulino...o sbaglio?

    @Mark: inciampare nel tempo è importante, c'è poco da fare.

    RispondiElimina
  9. Mi sentivo già prima frollino, ora anche di più. Questo tuo post è spiegazione ed esaltazione (?) del mio stato d'animo! Non so se ringraziarti o mandarti… :))))) almeno si può tuffarsi insieme? ok!

    RispondiElimina
  10. ci si può tuffare… porc… :/

    RispondiElimina
  11. mentre leggevo il tuo post in velocità, stamattina, da itunes è partita 'sta canzone (non so come si mette il video comediocomanda)

    http://www.youtube.com/watch?v=qwC-L_2Qe1M

    e ho pensato: cazzo, cheffigata! dopo un post così, questa è la canzone giusta!
    poi sono andata a lavorare e niente, si è rivelata la solita giornata da inzuppo fugace.

    aggiungo però questo:

    baiocchi ***
    gocciole *******

    RispondiElimina
  12. perchè ho trovato l'incipit di uqesto post incredibilmente allusivo? Perchè non penso che al sesso. Oh ecco spiegato. Meno male che ci sono le voci nella mia testa che mi rispondono.

    RispondiElimina
  13. Meno male che ci ha pensato Emix, stavo per fare battute raffinatissime a proposito dell'inzuppare.

    RispondiElimina
  14. @Petrolio: si può fare, tranquilla!! I frollini però non mi fanno proprio sballare...buoni, ma non da sturbo.

    @Ciku: intanto il pezzo mi piace e cerco album...e poi, sì, le tue classifiche mi piacciono un sacco! Mi spiace per la giornata dall'inzuppo fugace :|

    @Emix: perché è giusto così!

    @Lipe: ecco :))

    RispondiElimina
  15. ("2" dei black heart procession)

    RispondiElimina
  16. L'ho letto troppo tardi.
    Domattina ci riprovo (io però preferisco le macine).
    Grazie, Ubi.

    RispondiElimina
  17. Virginia, il maritozzo co' la panna è ESTREMAMENTE poetico.

    RispondiElimina
  18. Hai ragione, come posto del cuore va proprio bene, riesco solo a interpretare un Pennac, che libri sono?

    RispondiElimina
  19. Ci credo che inzuppi il biscotto,bruxi !
    Però il pensiero bello che regali l'ho recepito alla perfezione;peccato siano tempi durissimi per la pacatezza e la cognizione del se'.Grazie comunque.

    RispondiElimina
  20. Che splendido post consapevole! Si capisce al volo che sei pronto per il tuo baiocco.
    Io mica... Ci vorrà ancora un bel po' di "tempo che sto vivendo in quest'attimo" per arrivare dove sei tu ora e comunque è bello sentirti raccontare di come si sta lassù perchè rende la mia meta più tangibile.

    RispondiElimina